giovedì, agosto 17, 2017
Music Instruments – Strumenti Musicali

Music Instruments School informa che sono aperte le iscrizioni per il Corsi di Basso Elettrico con Filippo Dipietro.

Prenota la tua audizione gratuita chiamando 0931 24600 – 377 1510980

oppure scrivendo email: info@musicinstruments.it

Compila il Form e Prenota subito la tua Lezione di Prova GRATUITA !!!

pdf-icon

Scarica il Programma del 1° anno accademico di Basso  Elettrico

 

Programma di Basso Elettrico – 1° anno Accademico – docente Filippo Dipietro

Il Corso Accademico di Basso Elettrico si articola su 5 macro materie su cui è sviluppato l’intero programma dettagliato, per ogni argomento di ogni singola materia si sviluppano vari esercizi, a volte  personalizzabili, coadiuvati da supporti multimediali e vari libri di testo editi, nonché di dispense didattiche redatte “ad hoc” per ciascun allievo.

MATERIE

TECNICA MELODICO/RITMICA: è la materia in cui si applicano i concetti di tecnica muscolare applicati sullo strumento con l’obiettivo di dare all’ “esercizio” la massima  dimensione di musicalità.

  • controllo emotivo, coordinazione psicomotoria e respirazione
  • postura dello strumento
  • Impostazione mano destra e sinistra
  • tecnica di indipendenza a 2,3,4, dita (studio degli accenti “bizzarri”)
  • le cellule ritmiche (uso dei sedicesimi e ghost notes)
  • varianti dinamiche
  • tecniche dell’ hammer on e pull off, legature di espressione
  • scala cromatica e relative varianti
  • scala maggiore con varianti ritmiche e allargamenti (5 tasti)
  • scala pentatonica e scala blues
  • scala esatonale
  • studio degli intervalli e double stops (bicordi)
  • applicazione dei cromatismi sulle scale 

TEORIA E ARMONIA: è la materia in cui tutti i concetti teorici universalmente applicabili su ogni strumento vengono adattati per l’uso concreto del basso elettrico a prescindere dal genere musicale preferito

  • studio dei modi della scala maggiore (varie applicazioni pratiche)
  • studio delle triadi maj, min, aug, dim (entro i primi 4 tasti)
  • rivolti delle triadi in tutte le tonalità
  • studio dei rivolti delle triadi su 4 corde diverse
  • il tetracordo su accordi maj – min7 – min7b5 – dim
  • costruzione arpeggi fino alla 13°,metodo delle triadi sovrapposte* (parte prima)
  • i turnarounds
  • collegare gli accordi usando i cromatismi
  • il circolo delle quinte
  • lettura ritmica

ANALISI STILISTICA: Attraverso questa materia l’allievo ha la possibilità di capire le caratteristiche peculiari di ciascun genere musicale, di riuscire a distinguere i vari modi per  accompagnare un brano e di generare autonomamente i propri “giri di basso” e gli assoli.

  • Analisi e pratica dei diversi generi musicali moderni
  • Concezione ritmica dei vari stili: rock, pop, fusion, jazz, latin
  • Studio della “letteratura” bassistica (i giri di basso più famosi della storia)
  • Trascrizione e analisi di linee e soli di basso dei più importanti bassisti elettrici
  • Cosa e come suonare all’interno di un brano
  • Applicazione pratica con utilizzo di basi “minus one” (o in alternativa con classi di basso/batteria o musica d’insieme)
  • Studio delle “forme” musicali: il blues, l’anatole, AABA, ecc.
  • Il walking bass: analisi e trascrizione dei bassisti più rappresentativi
  • Lo slap: thumb tecnique e relativi abbellimenti “click notes”
  • Uso delle “damping notes” (stoppato)
  • Costruzione di proprie linee di basso “cantate”

REPERTORIO: lo studio del proprio strumento non può esulare dalla preparazione di un proprio repertorio di brani (anche proposti dalla stesso allievo) da analizzare e sviluppare  melodicamente, ritmicamente e armonicamente con la capacità di sviluppare, in esso, vari arrangiamenti e cambi di tonalità.

  • Preparazione di almeno 20 brani di difficoltà media di vari generi musicali con studio armonico/ritmico del relativo giro di basso
  • applicazione di almeno 3  varianti per ogni brano di cui una proposta dall’allievo

SUONO: un bassista al giorno d’oggi deve sapere come generare un proprio “suono” attraverso una conoscenza approfondita di tutte le sue componenti

  • Conoscere lo strumento e tutte le sue parti
  • le origini, la storia e l’evoluzione
  • Conoscere e capire come riprodurre le varie sonorità
  • La varie sfumature sonore dei legni e dei pick up
  • Le corde: scalatura, tipo di materiale, forma dell’anima e dell’avvolgimento
  • Cenni di liuteria: Il settaggio dello strumento (action ecc.) e piccole riparazioni
  • Uso corretto dell’amplificatore e dei controlli di tono
  • Uso dell’effettistica
  • Studio della “logistica” nei Live di piccole e grandi dimensioni
  • Conoscenza del corretto utilizzo del basso nello studio recording

Filippo Dipietro è considerato una figura di riferimento del jazz e della musica pop in Sicilia, si presenta oggi come uno dei bassisti più interessanti e attivi sia per quanto riguarda il live che lo studio recording.

Collaborazioni Artistiche e Discografiche:

Ha suonato Live e in studio con: Antonella Ruggiero – Amii Stewart – Mauro Ermanno Giovanardi – Mariella Nava – Fabio Concato – Ornella Vanoni – Tullio De Piscopo – Mike Stern – Francesco Guccini, Jenny B. – Deborah Jurato, Danilo Sacco (Nomadi) – Cheryl Porter – Gen Rosso – Danilo Amerio – Laura Figy – Simona Molinari – Ron – Paolo Belli – Sal Da Vinci – Manuela Villa – Luca Barbarossa – Amedeo Minghi – Gigi Finizio – Riccardo Fogli – Alexia – Irene Fornaciari – Mario Venuti – Mario Biondi – Giusy Ferreri.

Musicisti:

Ha suonato con: Franco Cerri – Carlo Cattano – Michele Conti – Francesco Branciamore – Cesare Carbonini – alberto-Elio-Sergio e Loris Amato – Riccardo Gerbino – Mimmo Gaglio – Camillo Balcone –Enzo Augello – Enzo Divita – Andrea Quartarone – Maurizio Diara – Claudio Cusmano – Ezio Zaccagnini – Ruggero Rotolo – Dario Fisicaro – Alberto Alibrandi – Giuseppe Emmanuele – Pucci Nicosia – Tony Cattano – Calogero Marrale – Pierpaolo Latina – Giuseppe Finocchiaro – Vincenzo Partexano – Antonio Onorato – Carlo Muratori – Antonio Canino –Tom Sinatra – Andrea Pozzoli – Claudio Giglio – Marcello Leanza – Rino Cirinnà – Peppe Arezzo – Andrea Beneventano – Dino Rubino – Mario Rodilosso – Ivan Cammarata – Gaetano Agrò – Osvaldo Lo Iacono – Antonio Ferlito –Gionata Colaprisca – Osvaldo Corsaro – Giampiero Locatelli – Bobo Facchinetti – Luca Boscagin – Francesco Cusa – Edoardo Musumeci – Luca Galeano – Giuseppe Asero – Renzo Ruggieri – Antonio Figura – Guglielmo Beneventano – Placido Salamone – Orazio Maugeri – Vito Giordano – Claudio Giambruno – Mauro Schiavone – Fabio Iacono – Luca Pattavina – Giuseppe Milici – Francesco Buzzurro – Francesco Cafiso.

Attività Didattiche

Filippo Dipietro dal 1992 è docente di basso elettrico in diverse accademie di musica moderna Siciliane come:

CEAS (Siracusa) 1992/1997
CESM (Catania ) 1998/2005
DELTA RHO (Catania) 2005/2007
AMF (Floridia) dal 2001
MASD (Ragusa) dal 2006
ARTE MUSICA (Caltagirone) dal 2012
POLITECNICO INTERNAZIONALE SCIENTIA ET ARS (polo Universitario Siciliano)
SMUL (Lentini) dal 2010
ACCADEMIA LIZARD (Messina)
MOSCUZZA MUSICA (Siracusa)

 

In tutti questi anni ha curato la formazione di innumerevoli bassisti, molti dei quali oggi sono musicisti affermati ed inseriti nell’ambiente musicale professionale ed ha organizzato clinic, masterclass nonché ha suonato con: Marcus Miller, Mattew Garrison, Pippo Matino, Giorgio Gaslini, Franco D’Andrea, Dario Deidda, Jeff Berlin, Danny Gottlieb, Richard Drexler, Alain Caron, Massimo Moriconi, Fabio Mariani, Tullio De Piscopo, Mike Stern, Scott Henderson, Marco Panascia.

Attività recenti: nel 2016 Filippo Dipietro è in tour con Amii Stewart, Antonella Ruggiero, Mauro Ermanno Giovanardi e l’orchestra Made in Sicily, Mariella Nava, assieme alla Violoncellista Valentina Scuto fonda “Ensemble Vivaldi” un gruppo orchestrale di musica classica con cui svolge diversi concerti.

Filippo Dipietro è endorser ufficiale Markbass

Bass Clinic – Fare il Bassista a cura di Filippo Dipietro

L’incontro è rivolto a bassisti con un minimo di esperienza live e didattica ma non si esclude la presenza anche di chi non ha alcuna esperienza, in quanto,  potranno trarre utili consigli per affrontare un piano di studi serio e lungimirante, per orientarsi  negli acquisti della propria strumentazione e per capire le differenze tra i vari generi musicali.

Numero minimo di partecipanti 10, Non è previsto un limite massimo tuttavia è preferibile non superare le 30 presenze per volta, si consiglia di portare il proprio strumento, è consentito loro fare foto e registrazioni audio ma non video se non previa approvazione post visione dello stesso;

PROGRAMMA

  • Convocazione dei partecipanti alle ore 15.45, Inizio ore 16.00
  • Inizio dei lavori: presentazione reciproca e individuazione dei bassisti che interverranno attivamente al seminario suonando il proprio strumento
  • Argomento 1 – IL SUONO – h 16.15
  • capire le peculiarità dei vari tipi di bassi esistenti in commercio e riconoscerne le sonorità;
  • identificare il periodo storico e il genere musicale di ciascuno strumento;
  • conoscere le caratteristiche costruttive: i legni, i pick up e il loro posizionamento, l’elettronica , le corde utilizzate e le tecniche esecutive che caratterizzano fortemente il timbro;
  • Gli amplificatori: capire la differenza tra valvolare, transistor, mosfet e ibrida;
  • Gli speakers: diametro e caratteristiche, tradizionali o neodimio, impedenze e accoppiate, full range o crossover, posizionamento e logica di scelta in base alla location, al genere ed al basso (o bassi) da utilizzare e/o alla tecnica esecutiva;
  • Effettistica: breve introduzione sull’utilizzo e la corretta configurazione a catena, la compressione, l’equalizzazione, i ritardi, la modulazione, il riverbero, gli amp. Simulator
  • Argomento 2IL TIMING: h 17.15
  • Apprendere e comprendere l’utilizzo del tempo, acquisire la padronanza del ritmo e delle suddivisioni (alcuni esercizi);
  • Utilizzo delle ghost notes, damping notes, muting notes, ecc.;
  • Suonare “a tempo”, suonare “Avanti”, suonare “indietro”
  • Utilizzo dei “ritardi” di 16° o anticipo
  • Applicazione del timing su semplici scale e, in seguito, su riff;
  • Accenti e varianti dinamiche, accenti “bizzarri”…… partecipazione dei seminaristi

Argomento 3 – ARMONIA – LE NOTE “GIUSTE” h 17.45

  • Le 4 triadi fondamentali
  • Suonare gli accordi (riconoscere il centro tonale, valorizzare l’accordo)
  • Accordi semplificati, double stops e armonizzazioni

2° PARTE

  • Argomento 4 – LA COERENZA STILISTICA 18.30
  • Quali note? Quali scale?, Breve introduzione sui vari tipi di accordi e relative scale;
  • La costruzione, l’elaborazione e l’arrangiamento di una linea di basso
  • La letteratura bassistica: la storia delle linee di basso più famose e la loro relativa collocazione stilistica nei principali periodi:
  1. anni 50/60: il walking, il rock&roll, il rockabilly, la latin music ecc….;
  2. Anni 70: la fusion, il funky, il rock, l’avanguardia, il soul…..ecc.;
  3. Anni 80: la tecno, il rock europeo, la musica elettronica, il basso synth;
  4. Anni 90: la musica pop italiana, la riscoperta del “basso vero”;
  • Quale giro usare? Quale tecnica?, Distinzione fra i 3 principali generi musicali: jazz,pop,rock e vari sottogeneri: esempi di groove e bass line nei vari generi e periodi storici;
  • Partecipazione dei seminaristi: esecuzione di brani…consigli, dibattiti ecc……..
  • Argomento 5 – L’APPROCCIO MENTALE – h 18.30
  • Fare il bassista: come approcciarsi ai vari progetti musicali, come ci si pone nelle varie situazioni lavorative live e in studio;

Cosa NON fare: i comportamenti che posso pregiudicare la permanenza in un progetto musicale, una produzione ecc…

  • Argomento 6 – SUONARE 19.00
  • Suonare con gli altri e non “sugli” altri;
  • Esecuzione di 2 brani (suonati da me)
  • Esibizione dei seminaristi, consigli, esempi ecc….
  • Conclusione dei lavori h. 20.00
accademia di basso, lezioni di basso elettrico, corso di basso elettrico, siracusa, scuola di basso elettrico, accademia lizard, bassisti siciliani, bassisti siracusa, basso, Basso Elettrico, corsi di basso elettrico, corso di basso, corso di basso a siracusa, Corso di Basso elettrico, Didattica e Corso di Basso, endorser ufficiale Markbass, Fare il Bassista, Filippo Dipietro, funk, groove, imparare a suonare il basso, insegnante lizard, jazz, lezioni di basso, lezioni di basso a siracusa, lezioni di basso elettrico, lezioni di basso elettrico siracusa, Markbass, music school, scuola di basso, siracusa, slap, studiare il basso, studiare il basso a siracusa, studio recordaing, suonare il basso elettrico

Like this Article? Share it!

About The Author